Alcune abitudini che ci fanno apparire più vecchi

Ci sono alcune abitudini giornaliere, consce o non, che alla lunga fanno apparire il nostro aspetto molto più vecchio di quello che è. Se quindi il nostro obiettivo è mantenere un aspetto fresco e giovane, specialmente dopo gli “-anta” sapere quali sono queste azioni ed iniziare a contrastarle eviterà l’uso di creme ringiovanenti spesso non molto efficaci.

Non serve il botulino

Per mantenere un aspetto giovane, non serve il botulino. Anche perché prima o poi la vecchiaia arriva, e bisogna accettarla. Potrebbe essere la prima ciocca di capelli grigi che compare sulle tempie, oppure le rughe che attraversano la fronte fino a poco tempo prima liscia: insomma, il tempo scorre per tutti, e non se ne può fare nulla.

Ci sono ovviamente dei modi anche chirurgici per ritardare questo processo, magari “tirando” la pelle laddove comincia ad incresparsi. Ma molto spesso il grosso lo fanno le nostre abitudini: infatti è stato dimostrato che alcuni nostri modi di vivere possono accelerare i sintomi dell’invecchiamento, i cui segni arriverebbero molto prima di quanto ci aspettiamo.

Vediamo, quindi, quali sono le abitudini da correggere e cambiare per apparire giovani il più a lungo possibile.

Prendere troppo sole o prenderne troppo poco

Prendere troppo sole non fa bene, ma non è da intendersi il sole che si prende d’estate per rilassarsi (anzi quello, con le dovute protezioni, asciuga la pelle dai grassi). Si sta parlando dei raggi solari cui ci esponiamo tutti i giorni quando usciamo di casa e che non proteggiamo con alcunché (apposta o dimenticandocene). In questo modo la pelle esposta è molto suscettibile ai danni causati dai raggi ultravioletti.

Ma anche il contrario, cioè prenderne troppo poco, alla lunga invecchia perché il corpo avrebbe carenze di vitamina D proprio per la troppa poca esposizione alla luce naturale che tra l’altro predispone ad alcune tipologie di tumori.

Quindi né troppo, né troppo poco. E soprattutto, con una crema solare!

Dormire poco

Anche dormire poco invecchia la pelle: dormire mediamente meno di 8 ore significa rinunciare ad una pelle giovane, liscia ed elastica.

Non usare prodotti idratanti (specie gli uomini!)

Questo è un punto che riguarda soprattutto gli uomini, i quali sono ancora pochi ad usare dei prodotti idratanti. Va detto che ognuno di noi ha una pelle con le sue esigenze, alcuni ce l’hanno grassa, altri secca.

A seconda della cute, comunque, la pelle va idratata regolarmente con prodotti specifici, e non farlo vuol dire condannarla all’invecchiamento. Così come usare i prodotti sbagliati: meglio informarsi e spendere un po’ di più, prima di combinare danni!

Spendere poco nel sapone

Partiamo da un fatto accertato: il buon sapone costa tanto, e quindi usare solo saponette premium potrebbe rivelarsi una spesa non sostenibile per tutti. Come in tutte le cose, però, ci vuole un equilibrio, un compromesso perché usare solo i prodotti a basso costo priva la pelle dei suoi oli naturali riempendola di sostanze chimiche cheap che certo non le fanno bene.

Insomma: non sempre l’alta qualità, ma almeno quella media!

Una vita sedentaria

Sapevate che fare sport non tonifica solo i muscoli, ma anche la pelle? Fare movimento, infatti, rende più sana la pelle migliorando la circolazione fino agli strati superficiali, aumentando il livello di ossigeno ed eliminando le scorie dannose. Insomma: rinnovate sempre il vostro abbonamento, ovunque lo abbiate sottoscritto.

Troppo stress

Anche lo stress, con i suoi alti livelli di cortisolo, porta a malattie cardiache, ipertensione, disfunzione erettile (capito uomini?) e altri problemi, tra cui poca elasticità nella pelle. Lo stress, infatti, riduce i livelli di collagene nel tempo. Quindi, se proprio non possiamo cambiare un lavoro che non ci piace, sopperiamo a questo inconveniente ritagliandoci tanto spazio per fare quello che ci piace.

Bere e fumare

Non avete mai notato che chi beve e si ubriaca frequentemente, così come chi fuma tanto, appare più vecchio di chi non lo fa? Ecco, non c’è bisogno di aggiungere altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *